Di guerra e di pace

Guerra

Il sistema democratico occidentale è basato su principi quali la dignità dell’essere umano, la giustizia, i diritti fondamentali e inalienabili tra cui, innanzitutto, il diritto alla vita, alla libertà dalla fame e dall’ignoranza, alla protezione, ma è al contempo carico di incoerenze e contraddizioni, espressione probabilmente di un capitalismo predatorio e globale. Anche il continuo appellarsi all’opzione militare per la soluzione dei conflitti, quasi sempre senza realistiche prospettive di riuscire a risolvere i problemi politici, economici, ambientali e sociali che causano le stesse tensioni, dimostra la debolezza della politica, l’assenza di una visione strategica che superi quella dei secoli passati. Oltre a causare sofferenze alle popolazioni e sottrarre ingenti risorse alla lotta alla povertà, le guerre rendono il mondo più insicuro e instabile, alimentando spesso la spirale del terrorismo. Nel corso degli ultimi decenni, il ricorso allo strumento armato è stato caratterizzato da modalità che vanno messe in discussione, mentre la mancanza di coraggio politico e una governance internazionale debole e concentrata sugli aspetti economici e neoliberisti anziché su quelli politici e sociali, ha reso deboli le originali aspirazioni dell’Occidente. Si ricorda che il 31.1.1992, nella riunione del Consiglio di Sicurezza, si era previsto il raccordo e l’impegno comune per realizzare la pace; impegno assunto per la prima volta a livello di Capi di Stato e di Governo, e successivamente sviluppato dal Segretario Generale Boutros Boutros-Ghali nel rapporto “Un’Agenda per la pace”, utile anche per rafforzare nelle Nazioni Unite (NU) la capacità di diplomazia preventiva, di pacificazione e di mantenimento della pace. Quel rapporto è stato disatteso. Il rapporto, diffuso nel giugno 1992, presentava all’Assemblea Generale alcune precise raccomandazioni per il rafforzamento delle NU, del Consiglio e dei poteri del Segretario Generale. Veniva tra l’altro raccomandata “la pronta disponibilità di forze armate in servizio” per dare al Consiglio “un mezzo di risposta alle aggressioni” e alle “violazioni della pace”, che fosse anche da monito ai trasgressori e ai despoti. Gli Stati non hanno voluto cedere alle NU quegli spazi di sovranità che avrebbero forse potuto segnare una differente evoluzione nella gestione dei conflitti e nel mantenimento della pace rispetto al modo in cui si è spesso proceduto negli ultimi decenni, ossia alquanto disordinato, improvvisato e inquinato da altri fini. Le conseguenze sono davanti ai nostri occhi: destabilizzazioni, distruzioni, sofferenze, migrazioni forzate.

Da un lato le tecnologie odierne permetterebbero di risolvere i problemi di povertà, fame, degrado ambientale che alimentano le tensioni; dall’altro vi sono strumenti, dalle istituzioni globali e regionali al diritto e ai trattati internazionali che, ridando loro credibilità, potrebbero favorire il mantenimento della pace. Sarebbe necessario promuovere un forte consenso degli Stati sull’esigenza del rispetto del diritto internazionale e sulla definizione di strumenti concreti in grado di assicurarne la piena applicazione, riconoscendo una governante istituzionale più democratica e autorevole dell’attuale, capace di costruire ponti anche di fronte al continuo tentativo di distruggerli, di negoziare, favorire collaborazione e cooperazione. L’UE ha inserito il tema nella proposta degli obiettivi dell’Agenda post-2015, ma la strada passa per la volontà politica di dotarsi di istituzioni internazionali a cui delegare veri poteri sulle questioni globali. Purtroppo continuano a prevalere gli interessi particolari, insieme alla tendenza ad affrontare le crisi internazionali con il consenso e la partecipazione di coalizioni di Stati willing o di alleanze di parte, oppure in ordine sparso, spesso per opportunità politica, senza le preventive valutazioni e decisioni del massimo organismo mondiale, indebolendolo ulteriormente. La complessità della realtà globale provoca chiusure e paure. Occorrerà saperla governare per non essere sopraffatti da caos geopolitico e da guerre, a cui anche le migrazioni sono spesso collegate. Mancano però non tanto risorse quanto volontà politica e capacità. Il risultato è una tragedia sotto gli occhi di tutti.

Written By
More from Marco Omizzolo

Guerra in Sud Sudan. Continuano ad urlare le armi mentre le N.U. tacciono

Una guerra silenziosa solo perché da sempre l’Occidente ha voluto guardare altrove,...
Read More