La raccolta dei rifugiati. Trasparenza di filiera e responsabilità sociale delle aziende

Un viaggio per indagare le cause del caporalato nell’anno che ha fatto registrare oltre dieci morti nei campi e centinaia di migliaia di braccianti, stranieri e italiani, sfruttati per la raccolta dell’ortofrutta. Lavoro schiavile che passa anche per l’utilizzo di migranti richiedenti asilo, come quelli del Cara di Mineo.

#FilieraSporca interroga e fornisce le risposte dei grandi attori della filiera agroalimentare, denuncia la mancata trasparenza della Gdo e il ruolo distorto delle Organizzazioni dei produttori che agiscono come moderni feudatari, dimostra come il costo delle arance riduce in povertà i piccoli produttori e lascia marcire il Made in Italy.

Scarica il rapporto 2016 in PDF

Il rapporto è curato da Sara Farolfi. Supervisione di Fabio Ciconte. Collaborazione di Antonello Mangano e Lorenzo Misuraca. Le fotografie di Mineo sono di Sara Farolfi. Con il contributo di Open Society Foundations e di Lush Italia.

Il sito web è curato da Antonello Mangano

Written By
More from Redazione

Assalto alla nave Bourbon Argos di MSF. Possibile chiede chiarimenti alla Farnesina

Medici senza Frontiere (MSF) con un comunicato denuncia un episodio inquietante e...
Read More