La raccolta dei rifugiati. Trasparenza di filiera e responsabilità sociale delle aziende

Un viaggio per indagare le cause del caporalato nell’anno che ha fatto registrare oltre dieci morti nei campi e centinaia di migliaia di braccianti, stranieri e italiani, sfruttati per la raccolta dell’ortofrutta. Lavoro schiavile che passa anche per l’utilizzo di migranti richiedenti asilo, come quelli del Cara di Mineo.

#FilieraSporca interroga e fornisce le risposte dei grandi attori della filiera agroalimentare, denuncia la mancata trasparenza della Gdo e il ruolo distorto delle Organizzazioni dei produttori che agiscono come moderni feudatari, dimostra come il costo delle arance riduce in povertà i piccoli produttori e lascia marcire il Made in Italy.

Scarica il rapporto 2016 in PDF

Il rapporto è curato da Sara Farolfi. Supervisione di Fabio Ciconte. Collaborazione di Antonello Mangano e Lorenzo Misuraca. Le fotografie di Mineo sono di Sara Farolfi. Con il contributo di Open Society Foundations e di Lush Italia.

Il sito web è curato da Antonello Mangano

Written By
More from Redazione

5 operai a processo per la libertà di espressione. Intervista a Moni Ovadia (Articolo21)

Cinque lavoratori dell’ex Fiat (poi Fca) di Pomigliano d’Arco sono stati licenziati...
Read More

Lascia un commento