L’ONU introduce la figura dell’esperto per i diritti LGBTI

resize.php

dal sito Terranuova

Lo scorso 30 giugno, il Consiglio per i Diritti Umani delle Nazioni Unite ha approvato la risoluzione “Protezione contro la violenza e la discriminazione basata sull’orientamento sessuale e l’identità di genere” che promette di costituire un decisivo passo avanti per la tutela dei diritti delle persone LGBTI. In particolare, l’aspetto più saliente della risoluzione è quello che riguarda la nomina di un esperto indipendente per la valutazione delle questioni afferenti la discriminazione di genere.

Questo importante progresso è stati reso possibile grazie all’iniziativa di Argentina, Brasile, Colombia, Cile, Costa Rica, Messico e Uruguay. La risoluzione ha ottenuto 23 voti favorevoli, 18 contrari e 6 astensioni.  Gli scogli maggiori sono stati posti dal blocco dei paesi conservatori, guidati dal Pakistan e da altri dell’America Latina e dei Caraibi. 11 gli emendamenti al testo, tra cui l’introduzione della clausola per il rispetto dei sistemi culturali, valoriali e religiosi di ogni paese.

Quali sono, nel concreto, i vantaggi dell’istituzione della figura di un esperto indipendente nella valutazione dei casi di violazione dei diritti delle persone LGBTI? Una spiegazione esauriente e puntuale è offerta proprio dal sitodel progetto di Terra Nuova Centro America Diferente che così spiega:  “avvalendosi di un esperto indipendente le Nazioni Unite possono valutare l’effettiva attuazione delle norme internazionali vigenti in tema di diritti umani; identificare eventuali violazioni e lacune nonché mettere in luce le buone pratiche. Inoltre, questa è un’opportunità senza precedenti per aumentare la consapevolezza su questi temi dando vita a un dialogo costruttivo con gli Stati e con tutte le parti interessate facilitando, nel contempo, l’assistenza tecnica e la cooperazione per contribuire realmente a sradicare la violenza e la discriminazione che spesso si scagliano contro le persone LGBTI.

“L’impatto di questa risoluzione andrà a beneficio migliaia di persone nel mondo oggi discriminate, perseguitate, umiliate e uccise. La figura dell’esperto indipendente permetterà non solo di indagare a fondo la situazione di violenza contro le persone LGBTI, ma anche di costruire modalità che possano garantire i diritti umani di tutti gli individui, indipendentemente dall’orientamento sessuale e dall’identità di genere”ha dichiarato Josefina Valencia,Co-Segretario regionale ILGALAC”.

Written By
More from Redazione

Conferenza “Governance and Islam in East Africa and the State”

Tempi Moderni comunica che l'Institute for the Study of Muslim Civilisations' Governance...
Read More