Assalto alla nave Bourbon Argos di MSF. Possibile chiede chiarimenti alla Farnesina

Medici senza Frontiere con un comunicato denuncia un episodio inquietante e gravissimo

Medici senza Frontiere (MSF) con un comunicato denuncia un episodio inquietante e gravissimo. Il 17 agosto, un motoscafo non identificato ha attaccato e sparato contro la Bourbon Argos, una delle navi dell’organizzazione umanitaria, mentre svolgeva attività di ricerca e soccorso nel Mar Mediterraneo centrale. Un attacco pericoloso, in aperta violazione del diritto internazionale e contro l’impegno umanitario di MSF che condanna fermamente, con una nota, “questo atto vergognoso verso un’organizzazione medico-umanitaria il cui unico obiettivo è salvare e fornire assistenza medica ai migranti e ai rifugiati che – in mancanza di vie legali e sicure – ogni giorno cercano di attraversare il mare”. Un atto forse anche intimidatorio che merita la massima condanna e l’avvio di indagini da parte del governo italiano e in particolare dal Ministero degli Esteri. Per ora si registra la netta presa di posizione di Possibile, il partito che ha come segretario l’On. Civati, che con un comunicato stampa a firma dello stesso Civati e dei parlamentari Beatrice Brignone, Luca Pastorino, Andrea Maestri e Toni Matarrelli, dichiara piena solidarietà “agli operatori impegnati da mesi sulla nave e a Medici senza Frontiere. Si tratta di un fatto gravissimo sul quale è necessario fare al più presto luce”. Correttamente viene chiesto alla Farnesina di fare “al più presto luce su quanto avvenuto e di fornire tutti gli elementi necessari per capire la dinamica dell’attacco. Le organizzazioni umanitarie che operano nel Mediterraneo sono le uniche che forniscono supporto e aiuto ai migranti in mancanza di un piano per i corridoi umanitari europeo. E’ necessario garantire la loro sicurezza e capire le ragioni di quanto accaduto al più presto. L’Italia e l’Europa intervengano subito”.

L’attacco, fa sapere ancora MSF, è avvenuto in acque internazionali, a 24 miglia nautiche a nord della costa libica. Uomini armati a bordo del motoscafo hanno sparato da una distanza di 400-500 metri verso la Bourbon Argos e poi sono saliti a bordo, dove non c’erano persone soccorse durante la giornata. Né i membri dell’equipaggio né i membri dello staff di MSF sono stati feriti.

“Anche se non conosciamo l’identità degli aggressori o la loro motivazione, da una nostra prima ricostruzione dei fatti riteniamo che fossero dei professionisti e ben addestrati”, dichiara Stefano Argenziano, coordinatore delle operazioni di MSF. “Si tratta di un attacco serio e preoccupante, perché gli spari verso la nave avrebbero potuto mettere in serio pericolo il nostro staff”.

Il motoscafo è stato avvistato alle 9.15 di mattina. Vista la mancanza di una chiara identificazione, di comunicazione e di una qualsiasi risposta radio dal motoscafo che si stava avvicinando alla Bourbon Argos, il team ha preso la misura precauzionale di spostarsi nell’area sicura designata all’interno della nave. Uomini armati sono saliti a bordo della Bourbon Argos e hanno cominciato a perlustrarla, lasciandola circa 50 minuti dopo, senza rubare o portar via nulla. Il danno alla nave è stato minimo, solo qualche segno dei diversi proiettili sparati. Grazie alle procedure di sicurezza messe in atto, tutti i membri del team sono stati al sicuro, rimanendo per tutto il tempo nell’area protetta.

Nel frattempo, le attività di ricerca e soccorso di MSF nel Mediterraneo centrale, sia dall’Italia sia da Malta, proseguono attraverso le navi Dignity I e Aquarius (in collaborazione con SOS Mediterranee), fornendo assistenza salvavita d’emergenza e cure mediche alle persone tratte in salvo.

“Nonostante il numero di morti continui ad aumentare in modo drammatico, e la situazione in Libia a deteriorarsi, l’attenzione europea continua a essere concentrata sulla deterrenza e sulla sicurezza, un approccio che consideriamo pericolosamente miope e completamente inadeguato a rispondere a questa crisi”, continua Argenziano. “La ricerca e il soccorso sono solo misure palliative per far fronte alla mancanza di vie legali e sicure: oggi più che mai l’Europa e gli Stati membri devono mettere in atto un meccanismo proattivo per salvare vite umane e aiutare coloro in cerca di sicurezza”. MSF continua a insistere sulla necessità di alternative legali e sicure per chi attraversa il Mediterraneo centrale per fermare le morti in mare.

Dall’inizio delle operazioni lo scorso 21 aprile, i team MSF a bordo della Dignity I, Bourbon Argos e Aquarius (in collaborazione con SOS Mediterranee) hanno recuperato 10.925 persone in 84 diverse operazioni di soccorso. Ciò dimostra che salvare vite umane nel Mediterraneo è possibile e che organizzazioni come MSF vanno sostenute e tutelate in ogni modo e non lasciate alle intimidazioni militari di gruppi armati di origine ignota.

Written By
More from Redazione

L’Uomo col megafono

Inizia una nuova rubrica radio nell’ambito della 3^ stagione di Nonostante tutto resistiamo, trasmissione...
Read More

Lascia un commento