Anticipazione del “Dossier Statistico Immigrazione 2016”

Il Centro Studi e Ricerche IDOS con la rivista Confronti hanno programmato per il 27 ottobre 2016 la presentazione del “Dossier Statistico Immigrazione 2016”. Questi i punti affrontati nella introduzione al Dossier Statistico Immigrazione 2016:

Nel 2015 è apparentemente stazionario il livello della presenza straniera in Italia: 5.026.153 residenti (aumento di sole 12mila unità rispetto all’anno precedente). Ma non è mancata una notevole movimentazione. 250mila stranieri sono stati registrati in anagrafe in provenienza dall’estero, mentre 178mila residenti sono diventati cittadini italiani, poco più di 6mila sono morti e a molti disoccupati di lungo periodo non è stato rinnovato il permesso di soggiorno. Nel 2015, inoltre, sono sbarcate in Italia 153.842 persone, tra richiedenti asilo e migranti economici e si è accentuata tra gli italiani la “sindrome dell’invasione”. Tuttavia, secondo le proiezioni demografiche dell’Istat, nell’ipotesi media (quella più realistica) per garantire l’equilibrio demografico della popolazione in diminuzione (-150mila persone nel 2015), si deve considerare che i nuovi ingressi di cittadini stranieri (solo in parte destinatari a tradursi in soggiorni stabili) non si collocano al di sopra di queste previsioni.
Sussiste la necessità di valorizzare al meglio le nuove presenze a livello formativo, occupazionale e sociale, impegno quanto mai funzionale alla fase di ripresa dell’economia. Fin da ora, però, sembra possibile realizzare un’accoglienza sul territorio più diffusa dei nuovi arrivati, attraverso un coinvolgimento strutturale anche delle famiglie, devolvendo loro parte dei fondi destinati per l’accoglienza e favorendo un più fruttuoso e molteplice processo di inte(g)razione sociale.

CLicca qui per scaricare l’introduzione al “Dossier”

Tags from the story
, ,
Written By
More from Redazione

Convegno annuale di Asiac – Torino, novembre 2017 – Call for papers

Il 6 e 7 novembre 2017 il Dipartimento di Culture, Politica e...
Read More

Lascia un commento