Conferenza Lavoro libero all’Università di Pisa. Tutela dei diritti e contrasto allo sfruttamento

Il Centro Interdisciplinare “Scienze per la Pace” dell’Università di Pisa è lieta di invitarvi alla conferenza Lavoro libero. Tutela dei diritti e contrasto dello sfruttamento, che si terrà venerdì 21 aprile dalle ore 15:30 alle ore 19:30, nell’Aula 2 del Polo Carmignani, Pisa.
La rivolta di Rosarno del gennaio 2010, lo sciopero dei braccianti di Nardò dell’agosto 2011 e le mobilitazioni dei lavoratori della logistica in Emilia Romagna iniziate nel 2012, hanno fatto rientrare i temi dello sfruttamento nel dibattito pubblico. L’indifferenza verso le condizioni di vita e di lavoro in molte campagne italiane, così come in alcuni settori della manifattura e della movimentazione di merci, è stata rotta anche da varie morti: quella di Paola Clemente, di Abdullah Mohamed, di Abdesselem El Danaf, delle vittime del rogo di Prato e del ghetto di Rignano. L’iniziativa del CISP si inserisce in questo contesto di crescente attenzione al fenomeno. Ponendo a confronto discipline, professionalità ed esperienze diverse, la conferenza si propone di analizzare lo sfruttamento nella sua complessità e di individuare adeguate strategie di contrasto e di prevenzione, che mettano al centro l’effettiva tutela dei diritti delle lavoratrici e dei lavoratori a partire dalla normativa vigente e dalle migliori pratiche esistenti.

Dopo avere presentato il portale web “Lavoro libero. Osservatorio e lo sportello legale contro lo sfruttamento” risultato dal progetto di ricerca, la conferenza affronta tre questioni: le forme emergenti di caporalato e sfruttamento che si manifestano con appalti fittizi, col ricorso a false cooperative e società di servizi, e con agenzie di lavoro anche transnazionali; il ruolo che gli sportelli legali specializzati in casi di sfruttamento possono svolgere nel fornire informazioni e consulenze ai lavoratori, promuovere la loro organizzazione, attivare collaborazioni tra istituzioni, enti di controllo, sindacati e associazioni; l’importanza di affiancare la repressione dello sfruttamento, applicando ad esempio le norme contro la tratta o contro il caporalato, con azioni in grado di incidere sulle cause del fenomeno ovvero sulla vulnerabilità giuridica e sociale dei lavoratori, e sull’attuale modello di produzione e consumo che richiede costantemente manodopera iper-precaria, ricattabile e a basso costo.

PROGRAMMA

15.30 Saluti Simone D’Alessandro (vice-presidente CISP)
Presentazione di “Lavoro Libero. Osservatorio e sportello legale contro lo sfruttamento”
Federico Oliveri (ricercatore aggregato CISP)

16.00 Appalti, agenzie del lavoro, cooperative spurie: diritti dei lavoratori contro forme emergenti di caporalato e sfruttamento
Sergio Genco (CGIL nazionale) – Salomè Archain (L’Altro Diritto) – Mohamed Alì Arafat (SI-Cobas Piacenza) – Stefano Re (ADL Cobas Emilia Romagna) – Paola Bittarello (FLAI-CGIL Siena) – Chiara Bianchi (L’Altro Diritto)

17.15 Pausa caffè

17.30 Sportelli legali contro lo sfruttamento: strumenti d’informazione, organizzazione e coordinamento istituzionale
Sergio Bontempelli (Africa Insieme) – Diego Maria Santoro (avvocato, Latina, Tempi Moderni) – Giulia Martini (Comune di Prato) – Marina Bartalini (Cooperativa Arnèra) – Manila Ricci (Rumori Sinistri, Rimini)

Ore 18.30 Oltre la repressione dello sfruttamento: ripensare le politiche migratorie, economiche e sociali
Stefano Galieni (Associazione Diritti e Frontiere) – Anna Brambilla (avvocato, ASGI) – Antonello Mangano (Terrelibere.org) – Rihad Zaghdane (USB logistica)

Written By
More from Redazione

Carlo Giuliani. Una morte di Stato

Sono trascorsi 15 anni ma gli echi del G8 del 2001 a...
Read More

Lascia un commento