Più strumenti e maggiore organizzazione per contrastare i reati agroalimentari

Contrastare il business miliardario delle agromafie e garantire la salute e la sicurezza di cittadini e imprese: sono questi gli obiettivi fondamentali del disegno di legge che riforma i reati in materia agroalimentare.

Il disegno di legge, proposto dal Ministro della giustizia Alfonso Bonafede, e dal Ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali, Teresa Bellanova, è stato approvato nel Consiglio dei ministri di ieri ed è largamente ispirato al testo elaborato dall’Osservatorio Agromafie guidato dall’ex magistrato Giancarlo Caselli.

Il provvedimento si compone di 14 articoli e interviene sul codice penale e sulla legislazione speciale del settore agro-alimentare.

La riforma introduce una riorganizzazione sistematica della categoria dei reati in materia alimentare, la revisione del sistema sanzionatorio contro le frodi alimentari e la sistemazione organica della responsabilità delle persone giuridiche.

Altro obiettivo perseguito dalla riforma è la tutela delle eccellenze nazionali rispetto a rischi di diffusione impropria e contraffazione dei prodotti agroalimentari con denominazione protetta e indicazione geografica che possono danneggiare gravemente l’immagine del Made in Italy. Tra le novità più rilevanti anche l’introduzione del reato di “agropirateria” e della fattispecie denominata “disastro sanitario”, di cui è responsabile chi provoca con colpa la lesione grave o la morte di tre o più persone, e il pericolo grave e diffuso di analoghi eventi ai danni di altre persone.

Accanto alla repressione la riforma introduce anche norme di carattere sociale: è prevista, infatti, la devoluzione in beneficenza dei prodotti confiscati (bevande e alimenti) che, sia pure non commerciabili, non risultino dannosi per la salute pubblica.
Written By
More from Redazione Read More