ambiente e diritti umani

Da Il Movimento per la Pace: Le 8 Mai 2019 se souvenir du 8 Mai 1945 pour​ mieux agir pour la Paix dans la justice et la fraternité

by

Le 8 mai 1945 a vu la capitulation sans conditions de l’Allemagne nazie. Cette date consacre la fin de la guerre en Europe et la victoire sur le nazisme qui annonçait la fin de la deuxième guerre mondiale. Le Mouvement de la paix, 71 ans après sa création à l’instigation de nombreux résistants se doit […]

Oxfam-In Migrazione: “Il sistema di accoglienza perderà i suoi navigator”

by

Le voci degli operatori in un nuovo rapporto per fotografare la demolizione del sistema di accoglienza diffusa in Italia. Oltre 4 mila giovani senza più lavoro dall’inizio dell’anno. A fine 2019 potrebbero essere 15 mila con un costo sociale di 200 milioni di euro. Foto (link)   Il modello italiano di accoglienza diffusa – che ha permesso fino a […]

Decisione della Corte di cassazione con riferimento alla nuova disciplina del Decreto “Sicurezza”.

by

Tempi Moderni permette di scaricare in allegato la decisione n. 4890/2019 della Corte di cassazione che risolve i dubbi in tema di regime intertemporale della nuova disciplina sulla protezione umanitaria. Una decisione che contribuisce, sebbene ancora in parte, a ridefinire e per fortuna in chiave restrittiva il portato del decreto c.d. “Sicurezza” e il complesso […]

Come stiamo uccidendo le nostre Ong e smontando il sistema di Cooperazione

by

Le Organizzazioni non governative in Italia sono oramai da tempo sotto attacco e non solo perché Matteo Salvini nutre per loro un odio viscerale. Il mondo del volontariato internazionale è preso di mira senza pietà, affossato e criminalizzato fino alle accuse di connivenza con trafficanti e scafisti che ledono fortemente l’integrità delle persone. Ma Salvini si scaglia […]

La fronda

by

Sono un essere umano, umano come tutti: me lo ripeto ogni giorno, quando scendo dal furgone, impolverato e con le ossa rotte, per pregare finalmente sul mio tappeto rivolto alla Mecca. Prego per ricordarmi che sono un essere umano, e non carne da macello. Ma oggi la sabbia brucia la pianta dei piedi, brucia più […]

Legal changes and climate of hatred threaten migrants’ rights in Italy, say UN experts

by

Questo il comunicato degli esperti dei diritti umani delle Nazioni Unite. Ha ad oggetto il Decreto Sicurezza del governo italiano e le diffuse retoriche xenofoba e razziste diffuse a mezzo stampa nel corso degli ultimi anni. Se anche le N.U. denunciano la deriva razzista in Italia e le nuove forme di schiavitù, significa che stiamo davvero toccando il fondo. […]

Di Ilaria De Bonis: Dal ProSavana al Sustenta, il land grabbing ‘legalizzato’

by

di Ilaria De Bonis: «Fratello gemello del ProSavana». «Cavallo di troia delle multinazionali in Africa». «Ennesimo tentativo di togliere la terra ai contadini poveri del Mozambico rurale». Così a Nampula si parla del Sustenta, creatura finanziaria nata dalle viscere della Banca Mondiale, inaugurata lo scorso febbraio in Mozambico, col via libera del presidente Filipe Nyusi. […]

Pomezia: il sacco del territorio

by

La recente vicenda dell’incendio sviluppatori nella mattinata del 5 maggio scorso presso l’impianto di trattamento rifiuti della ditta ECO X sito nel Comune di Pomezia, via Pontinia Vecchia km. 33,381 in prossimità di terreni agricoli ed abitazioni, riporta all’attenzione del pubblico il problema della pianificazione territoriale. Pomezia è una delle città di fondazione realizzate alla […]

Free Mudawi

by

La vignetta del mese, di Aseem Trivedi è dedicata a Mudawi Ibrahim Adam, nato nel 1956 in Sudan.  Di professione ingegnere, si è sempre occupato di lotta per i diritti umani in Darfur.  Ha fondato e diretto il Sudan Social Development Organization (SUDO). Per il suo attivismo è stato arrestato diverse volte.  Nel 2005 ha vinto […]

Libertà

by

Di seguito pubblichiamo come Tempi Moderni e in esclusiva per l’Italia, la seconda vignetta di Aseem Trivedi dedicata al blogger saudita Raif Badawi, condannato a mille frustate (50 a settimana), dieci anni di reclusione e una multa di un milione di rial, pari a oltre 235.000 euro per apostasia.