mondi globali

Selam, da sei anni in fuga dall’Eritrea

by

“L’Eritrea? Grazie all’accordo che ha posto fine allo stato di guerra ventennale con l’Etiopia, è un paese che sta cambiando, aperto alla democrazia”. In realtà Isaias Afewerki, il dittatore che schiavizza l’Eritrea da vent’anni, è sempre al suo posto, con tutto il suo apparato di potere. E i dissidenti, come l’ex ministro Berahe Abrehe, continuano […]

Crisi dei migranti: un altro capitolo di colonialismo?

by

“Un’ipocrisia”. Così, senza mezzi termini, Fayez Serraji, il presidente del Governo di Tripoli, ha definito, prima di ripartire da Palermo, l’atteggiamento dell’Unione Europea sulla crisi dei migranti, rilanciando in una intervista al Corriere della Sera un problema che nel vertice internazionale sulla Libia era rimasto defilato e sottaciuto. Serraji non si è dimostrato finora un […]

Arriva dalla Guinea l’ultima strage di migranti “silenziata”

by

Sono morti in 60, portati via dalle onde dell’Atlantico, di fronte all’Africa. Altre 60 vite di giovani migranti spezzate. A migliaia di chilometri dall’Europa. Eppure, vittime dei muri innalzati dalla Fortezza Europa per escludere, tenere lontani, tanti, tantissimi disperati come loro. Si erano imbarcati nel nord della Guinea Bissau su un cayuko, la barca da […]

I ragazzi della Diciotti: la fuga è un errore ma la soluzione non sono le barriere

by

Più della metà dei profughi eritrei arrivati a Catania con la nave Diciotti hanno abbandonato i centri di accoglienza dove erano ospitati, in Sicilia e a Rocca di Papa, alle porte di Roma, in attesa di iniziare, una quarantina, un percorso di relocation in Irlanda e in Albania, oppure, la maggioranza, di inserimento sociale in […]

Come si vive in Eritrea. Una risposta al senatore Mauro Colorti

by

“In Eritrea non ci sono situazioni aperte di conflitto ed anzi le condizioni di vita non sono così male. C’è lavoro per tutti anche se c’è molta povertà, ma nessuno muore di fame”. Con queste motivazioni il senatore Mauro Colorti, del Movimento 5 Stelle, arriva alla conclusione che le migliaia di giovani che continuano a […]

Spariti 20 profughi a Tarek al Matar. I compagni: “Temiamo che li vendano ai trafficanti”

by

Non c’è un’asta in piazza come quella filmata dalla Cnn a Sabha nell’ottobre del 2017. Si agisce nell’ombra, con l’inganno e le minacce. Ma la sorte di centinaia di profughi detenuti nei campi libici rischia di essere la stessa: venduti come schiavi per il lavoro forzato o, peggio, sequestrati per estorcerne un riscatto di migliaia […]

Mozambico: prosegue la lotta di contadini e attivisti contro il land grabbing

by

Il 18 novembre prossimo a Tokyo si terrà la terza Conferenza internazionale (Triangular Peoples Conference) che vede protagonisti i movimenti per la terra contrari al land grabbing di Mozambico, Giappone e Brasile. Questi attivisti da anni si battono contro il ProSavana, mega progetto per introdurre in Mozambico il modello delle piantagioni brasiliane. Una parte della […]

Eritrea, sarà la pace con l’Etiopia a spazzare via il regime?

by

“Una storica visita di pace”. O, ancora, “Un abbraccio storico”. Così hanno titolato diversi media internazionali l’incontro avvenuto l’otto luglio ad Asmara tra Isaias Afewerki e il nuovo presidente etiope Abiy Ahmed, dopo un ventennio di stato di guerra tra Eritrea ed Etiopia. Il vertice, chiuso con la dichiarazione ufficiale di “fine guerra”, segna la […]

Migranti, rimosse stragi e sofferenze per giustificare la politica dei “muri”

by

Almeno 220 vite stroncate. Sono le vittime di tre naufragi avvenuti nel giro di appena due giorni, il 19 e il 20 giugno, al largo delle coste libiche. Il primo di fronte a Janzur, 15 chilometri a ovest di Tripoli. Poi, poco più a occidente, verso Zawyia. Infine, l’ultimo, ad alcune miglia da Garabulli, a […]

Cairo, si uccide in aeroporto piuttosto che essere riconsegnato al regime eritreo

by

Piuttosto che essere costretto a tornare in Eritrea ha scelto di morire. Zerensenay Ermias Tesfatsion si è ucciso nella zona di transito per persone sotto custodia dell’aeroporto internazionale del Cairo. Aveva poco più di trent’anni. Trent’anni spesi in buona parte a inseguire un sogno di libertà. Sembrava averlo realizzato, questo sogno, quando – dopo una […]