L’asilo come diritto. Richiedenti asilo, strutture ed operatori: ricerche e riflessioni

l-asilo-com-diritto-copertina

 18,00

Questa collettanea ha lo scopo di unire analisi scientifica elaborata da ricercatrici e docenti, le esperienze di lavoro, ricerca ed elaborazione personale di qualificati operatori sociali, con forme di ricerca–azione capaci di analizzare il tema del diritto d’asilo, provando a comprendere e valutare la qualità e capacità del sistema italiano nell’applicazione di questo fondamentale principio giuridico, sociale e umano. Si analizza, in particolare, il sistema SPRAR, considerato tradizionalmente d’eccellenza, indagandone le dimensioni e le prospettive possibili. Il diritto d’asilo è la cartina di tornasole del Paese e la lente di ingrandimento attraverso la quale leggere, comprendere, interrogare il “Sistema Italia” e la sua capacità di rispondere ai bisogni specifici di alcune categorie di richiedenti asilo o di rifugiati come i minori non accompagnati o coloro che hanno necessità di assistenza sanitaria.

Il volume è diviso in tre sezioni: nella prima, intitolata Accoglienza e cittadinanza, sono contenuti due saggi che potrebbero essere definiti di analisi del contesto del sistema di accoglienza italiano. La seconda sezione, intitolata Seconda accoglienza in Italia: il sistema SPRAR alla prova dei fatti entra nel merito della seconda accoglienza e nello specifico del sistema SPRAR cercando di coglierne gli aspetti meno elaborati ed analizzati attraverso l’analisi di alcuni casi concreti.

La terza sezione riguarda, invece, l’analisi statistica applicata ai flussi migratori, e punta a depurare il dibattito dalla mediatizzazione esasperata che enfatizza numeri e fenomeni oppure li strumentalizza a seconda delle relative convenienze.

Le conclusioni risultano in costante dialettica con i saggi contenuti nel volume e riprendono alcune esperienze e riflessioni che, grazie al felice connubio fra operatori competenti e organizzazioni duttili, resilienti, osmotiche, mostrando come proprio a partire dal tema delle migrazioni e dai soggetti migranti sia possibile dare vita a prototipi interessanti, innovativi e sostenibili di welfare locale.

Descrizione

A cura di Marco Omizzolo, ISBN 978-88-255-1195-6, formato 14 x 21 cm, 284 pagine

Aracne edizioni, per TEMPI MODERNI, con patrocinio di Amnesty International Italia

Presentazione:

Questa collettanea ha lo scopo di unire analisi scientifica elaborata da ricercatrici e docenti, le esperienze di lavoro, ricerca ed elaborazione personale di qualificati operatori sociali, con forme di ricerca–azione capaci di analizzare il tema del diritto d’asilo, provando a comprendere e valutare la qualità e capacità del sistema italiano nell’applicazione di questo fondamentale principio giuridico, sociale e umano. Si analizza, in particolare, il sistema SPRAR, considerato tradizionalmente d’eccellenza, indagandone le dimensioni e le prospettive possibili. Il diritto d’asilo è la cartina di tornasole del Paese e la lente di ingrandimento attraverso la quale leggere, comprendere, interrogare il “Sistema Italia” e la sua capacità di rispondere ai bisogni specifici di alcune categorie di richiedenti asilo o di rifugiati come i minori non accompagnati o coloro che hanno necessità di assistenza sanitaria.

Il volume è diviso in tre sezioni: nella prima, intitolata Accoglienza e cittadinanza, sono contenuti due saggi che potrebbero essere definiti di analisi del contesto del sistema di accoglienza italiano. La seconda sezione, intitolata Seconda accoglienza in Italia: il sistema SPRAR alla prova dei fatti entra nel merito della seconda accoglienza e nello specifico del sistema SPRAR cercando di coglierne gli aspetti meno elaborati ed analizzati attraverso l’analisi di alcuni casi concreti.

La terza sezione riguarda, invece, l’analisi statistica applicata ai flussi migratori, e punta a depurare il dibattito dalla mediatizzazione esasperata che enfatizza numeri e fenomeni oppure li strumentalizza a seconda delle relative convenienze.

Le conclusioni risultano in costante dialettica con i saggi contenuti nel volume e riprendono alcune esperienze e riflessioni che, grazie al felice connubio fra operatori competenti e organizzazioni duttili, resilienti, osmotiche, mostrando come proprio a partire dal tema delle migrazioni e dai soggetti migranti sia possibile dare vita a prototipi interessanti, innovativi e sostenibili di welfare locale.

L’indice è così composto:

  1. Prefazione, di Gianni Rufini (direttore generale Amnesty International Italia)
  2. Introduzione, di Marco Omizzolo
  3. Parte I Accoglienza e cittadinanza:
    • – Obiettivo accoglienza, tra teoria e prassi, di Marco Omizzolo, Pina Sodano
    • – Asilo, accoglienza e cittadinanza. Strumenti, attori, caratteri e obiettivi, di Michele Rossi
  4. Parte II Seconda accoglienza in Italia: il sistema SPRAR alla prova dei fatti
    • – Lo Sprar come campo d’esperienza. Ambiente relazionale e pratiche professionali, di Tiziana Tarsia
    • – La tutela della salute nei progetti. Metodi, strategie, problematiche, di Valentina Raffa
    • – Le donne richiedenti asilo e protezione internazionale in Italia tra riconoscimento e vulnerabilità sociale. Un’etnografia all’interno di uno Sprar del centro Italia, di Serena Caroselli
    • – Alla ricerca di un futuro. Minori Stranieri Non Accompagnati. Tra sistemi di accoglienza e nuovi percorsi da intraprendere, di Maria Carmela Albano, Erika D’Aleo, Arlene Tuzza
    • – La condizione giuridica dei minori non accompagnati richiedenti asilo in Italia alla luce della legge Zampa. Il caso paradigmatico di Darboe e Camara c. Italia, di Marco Ferrero, Irene Marchioro
  5. Parte III I migranti e l’analisi statistica
    • – L’integrazione sociale dei migranti in Italia. Un’analisi sul sistema di rilevazione della statistica ufficiale, di Francesco Antonelli
    • – L’apporto delle statistiche all’analisi del fenomeno migratorio, di Ugo Melchionda, Franco Pittau
  6. Parte IV Appunti conclusivi
    • – Oltre “mafia capitale” un altro welfare è possibile, di Mauro Ferrari

Privacy Preference Center

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?

×
0
 0,00