Afewerki

Il premier Abiy Ahmed e le truppe eritree in Tigrai

by

Il premier etiopico Abiy Ahmed, dopo quasi cinque mesi di dinieghi, ha ammesso che in Tigrai ci sono truppe eritree, aggiungendo che, in occasione della sua ultima visita di stato ad Asmara, ha chiesto al presidente Isaias Afewerki di ritirarle. Quella che ha tentato di presentare come una “operazione verità” appare tuttavia meno di “mezza […]

Sempre più barriere per bloccare profughi e migranti. Anche quelli in fuga dagli orrori del Tigrai

by

Dal Tigrai, sconvolto da quella che appare sempre di più una guerra di sterminio, sono già fuggiti in Sudan circa 75 mila profughi: l’1,26 per cento della popolazione. Non solo. Ci sono oltre due milioni di sfollati interni, un terzo di tutti i tigrini: donne, bambini, uomini, intere famiglie costrette ad abbandonare la propria casa […]

Profughi eritrei in Tigrai: almeno 4 morti e lo spettro del rimpatrio forzato

by

Almeno quattro morti, tra i profughi eritrei rifugiati in Tigrai, nella guerra civile in corso ormai da un mese tra l’esercito federale di Addis Abeba e le truppe regionali fedeli al governo di Macalle. Tre sono stati investiti da una raffica di schegge durante un pesante bombardamento che ha colpito l’area limitrofa al centro di […]

Dopo Malta cresce il disimpegno dell’Europa nei soccorsi in mare

by

Il premier Giuseppe Conte ha parlato di “svolta”. E’ vero, sembra proprio che il recente accordo di Malta stia segnando una “svolta” nella politica migratoria e nell’organizzazione dei soccorsi ai naufraghi alla deriva su barche o relitti salpati dalle coste africane con il loro carico di disperati. Non nel senso, però, lasciato intendere dal Governo […]

Il nuovo Governo ascolti il grido di dolore del popolo eritreo

by

Per anni l’Eritrea è rimasta come in isolamento: la dittatura ha trasformato il paese in una enorme caserma/prigione, facendone, con la sua politica, una sorta di “stato-paria”, dal quale gran parte della comunità internazionale ha via via marcato le distanze, giungendo a ritirare le proprie rappresentanze diplomatiche da Asmara. A partire dagli ultimi mesi del […]

Eritrea, un anno fa la pace. Ma c’è la pace?

by

Inebriati dalla libertà e dalla pace. Questo emerge dalle vecchie foto in bianco e nero che ritraggono i volti, i gesti, gli abbracci, i balli di migliaia di donne, uomini, ragazzi che per giorni hanno invaso le strade di Asmara e di tutte le città del Paese all’indomani del referendum del 1993, che ha sancito […]

Le madri eritree come le madri de Plaza de Majo

by

In piazza “armate” soltanto di un foulard bianco, il simbolo internazionale della lotta per i diritti umani. Le donne eritree della diaspora hanno dato vita a un movimento che, ispirandosi a quello delle Madri di Plaza de Majo, intende organizzare una serie di manifestazioni in tutta Europa per chiedere “verità e giustizia” per i propri […]

“L’Eritrea è ancora schiava della dittatura”: la diaspora chiede un confronto con Governo e Parlamento

by

“L’Europa e in particolare l’Italia stanno accentuando l’apertura di credito ‘al buio’ nei confronti del regime eritreo basandosi su una finzione: la finzione che la fine della guerra con l’Etiopia starebbe aprendo il paese alla democrazia. Ma altroché apertura alla democrazia. Il problema, in Eritrea, non era la guerra. Il problema era e resta la […]

Selam, da sei anni in fuga dall’Eritrea

by

“L’Eritrea? Grazie all’accordo che ha posto fine allo stato di guerra ventennale con l’Etiopia, è un paese che sta cambiando, aperto alla democrazia”. In realtà Isaias Afewerki, il dittatore che schiavizza l’Eritrea da vent’anni, è sempre al suo posto, con tutto il suo apparato di potere. E i dissidenti, come l’ex ministro Berahe Abrehe, continuano […]

L’origine del sovranismo nazionalista anti immigrati nelle politiche dell’Ue?

by

Contrariamente a diffuse retoriche sovraniste, analizzando le politiche europee degli ultimi venti anni, si nota un continuo slittamento delle stesse verso politiche sempre più securitare nei confronti dei flussi migratori. Ciò ha riguardato, sebbene mediante processualità diverse, sia i c.d. migranti economici che i flussi di migranti forzati. Gli stessi confini europei, contro tesi avanzate […]