Di Maio

‘Sotto padrone’. Comunicato stampa

by

SOTTO PADRONE, Uomini, donne e caporali nell’agromafia italiana di Marco Omizzolo Tra caporali che lucrano sul lavoro di donne e uomini, spesso stranieri, sfruttati nelle serre italiane. Braccianti indotti ad assumere sostanze dopanti per lavorare come schiavi. Ragazzi che muoiono – letteralmente – di fatica. Donne che ogni giorno subiscono ricatti e violenze sessuali. Un […]

L’Ecologia lungo la Nuova Via della Seta Quinta Parte – Kirghizistan

by

Con questa tappa, il Kirghizistan, si comincia a salire sulle alte vette delle catene montuose asiatiche. Dopo aver costeggiato con Kazakhstan e Turkmenistan il Mar Caspio (seconda e quarta tappa dell’Ecologia lungo la Nuova Via della Seta, http://www.tempi-moderni.net/2019/10/19/lecologia-lungo-la-nuova-via-della-seta-kazakhstan-seconda-parte/ e http://www.tempi-moderni.net/2019/11/06/lecologia-lungo-la-nuova-via-della-seta-quarta-parte-turkmenistan/ ), e aver constatato la triste sorte toccato al grande bacino dell’Aral (http://www.tempi-moderni.net/2019/10/26/lecologia-lungo-la-nuova-via-della-seta-terza-parte-uzbekistan/) ci si […]

21 ottobre 2019, in piazza della Libertà a Latina coi braccianti sfruttati per chiedere giustizia e libertà

by

Lunedì 21 ottobre alle ore 16.00 saremo in piazza della Libertà a Latina per scioperare e manifestare, ancora una volta, coi braccianti indiani e italiani contro le violenze, lo sfruttamento e il caporalato nell’Agro Pontino e ovunque in Italia. Una iniziativa organizzata dalla Comunità Indiana del Lazio insieme e per la prima volta ai tre […]

Accordo di La Valletta: è davvero una “svolta”?

by

“ Una svolta decisiva nella politica sull’immigrazione”: così’ è stato definito dal Governo italiano l’accordo raggiunto al summit di La Valletta tra Italia, Germania, Francia e Malta sul meccanismo di redistribuzione dei migranti soccorsi in mare. Elementi positivi, in effetti, non ne mancano, a cominciare dal fatto che per la prima volta si sia affermato […]

Il nuovo Governo ascolti il grido di dolore del popolo eritreo

by

Per anni l’Eritrea è rimasta come in isolamento: la dittatura ha trasformato il paese in una enorme caserma/prigione, facendone, con la sua politica, una sorta di “stato-paria”, dal quale gran parte della comunità internazionale ha via via marcato le distanze, giungendo a ritirare le proprie rappresentanze diplomatiche da Asmara. A partire dagli ultimi mesi del […]

Lampedusa solidale: il ‘virus’ di umanità che ha aperto un varco nel sistema

by

Appena atterrato a Lampedusa, il 5 agosto scorso, Luciano è stato catapultato dagli amici al molo della Madonnina. «Mi dicono: c’è uno sbarco, vieni che andiamo ad accoglierli! Non ho fatto in tempo neanche a capire dove stavo. Siamo andati. Per me un’emozione grande». Era la sua prima volta. Per il Forum Lampedusa Solidale l’ennesima, […]

Eritrea, un anno fa la pace. Ma c’è la pace?

by

Inebriati dalla libertà e dalla pace. Questo emerge dalle vecchie foto in bianco e nero che ritraggono i volti, i gesti, gli abbracci, i balli di migliaia di donne, uomini, ragazzi che per giorni hanno invaso le strade di Asmara e di tutte le città del Paese all’indomani del referendum del 1993, che ha sancito […]

Davide Mattiello: Bruno Caccia e il futuro della democrazia

by

Come ci sono arrivate le mafie al Nord? Se per “mafie” intendiamo le tradizionali organizzazioni mafiose che abbiamo imparato a conoscere cioè Cosa Nostra, Stidda, ‘ndrangheta, Camorra, Sacra Corona Unita, Società foggiana (…) possiamo dire che esiste un radicamento consolidato in anni di presenze capillari, più o meno avvertite e contrastate, in tutto il nord […]

Esecuzione penale: inaccettabile la mancata attuazione della riforma.

by

La riforma in materia di esecuzione penale non ha mai visto la  luce.   Le commissioni speciali di Camera e Senato – istituite nelle more della formazione del nuovo Governo nella primavera 2018  per risolvere le questioni urgenti ed in sospeso – non hanno inserito la riforma dell’ordinamento penitenziario nel proprio ordine del giorno. Una decisione […]

Eurispes: “Elezioni europee, 6 italiani su 10 “affezionati” all’Europa. Gli ottimisti sul futuro dell’Ue sono 4 su 10”

by

Italiani più “affezionati” all’Europa di quanto si possa immaginare: negli ultimi due anni è, infatti, aumentata di oltre 12 punti la percentuale di coloro che sono convinti che il nostro Paese debba rimanere all’interno dell’Unione, passando dal 48,8% del 2017 al 60,9% di oggi. Tanto che la “carta” dell’Italexit è quasi scomparsa dall’agenda politica e […]