Drudi

Dopo Malta cresce il disimpegno dell’Europa nei soccorsi in mare

by

Il premier Giuseppe Conte ha parlato di “svolta”. E’ vero, sembra proprio che il recente accordo di Malta stia segnando una “svolta” nella politica migratoria e nell’organizzazione dei soccorsi ai naufraghi alla deriva su barche o relitti salpati dalle coste africane con il loro carico di disperati. Non nel senso, però, lasciato intendere dal Governo […]

Accordo di La Valletta: è davvero una “svolta”?

by

“ Una svolta decisiva nella politica sull’immigrazione”: così’ è stato definito dal Governo italiano l’accordo raggiunto al summit di La Valletta tra Italia, Germania, Francia e Malta sul meccanismo di redistribuzione dei migranti soccorsi in mare. Elementi positivi, in effetti, non ne mancano, a cominciare dal fatto che per la prima volta si sia affermato […]

Il nuovo Governo ascolti il grido di dolore del popolo eritreo

by

Per anni l’Eritrea è rimasta come in isolamento: la dittatura ha trasformato il paese in una enorme caserma/prigione, facendone, con la sua politica, una sorta di “stato-paria”, dal quale gran parte della comunità internazionale ha via via marcato le distanze, giungendo a ritirare le proprie rappresentanze diplomatiche da Asmara. A partire dagli ultimi mesi del […]

Eritrea andata e ritorno: profugo appena rimpatriato scappa di nuovo

by

E’ scappato dall’Eritrea nel 2016, quando era appena sedicenne. Ha trascorso tre anni d’inferno in Sudan, in Egitto e infine in Libia, in mano ai trafficanti e poi nel centro detenzione di Zuwara. Pur di lasciare quel lager, dove la sua vita era appesa a un filo, ha accettato, insieme ad altri ragazzi eritrei, di […]

Smantellare la finzione della zona Sar libica nata dalla politica dei muri

by

“Occorre smantellare la finzione della zona Sar libica, mettendo sotto accusa la politica dei muri contro i migranti che l’ha creata”. E’ questa la risoluzione emersa al termine di un convegno che – come si evince dal tema: “Il dovere di salvare” – ha messo a confronto la “legge del mare” e quanto sta accadendo […]

La strage a 50 miglia dalla Libia è solo l’ultima di una lunga, “silenziata” catena?

by

E’ stata una strage: almeno 117 migranti morti, tra cui 10 donne e 2 bambini. Uno di appena due mesi. E’ il bilancio dell’ultimo naufragio nel Mediterraneo Centrale. I disperati stipati dai trafficanti sul gommone andato a picco venivano quasi tutti dal Sudan o dall’Africa Occidentale. Tre soltanto i superstiti: due sudanesi e un gambiano. […]

L’origine del sovranismo nazionalista anti immigrati nelle politiche dell’Ue?

by

Contrariamente a diffuse retoriche sovraniste, analizzando le politiche europee degli ultimi venti anni, si nota un continuo slittamento delle stesse verso politiche sempre più securitare nei confronti dei flussi migratori. Ciò ha riguardato, sebbene mediante processualità diverse, sia i c.d. migranti economici che i flussi di migranti forzati. Gli stessi confini europei, contro tesi avanzate […]

La dittatura eritrea: da che parte sta Jovanotti?

by

Jovanotti ha fatto uscire in questi giorni “Chiaro di luna”, un video che prende il titolo da una delle sue canzoni più ascoltate e più cantate nei 67 concerti Live tenuti quest’anno. Per ambientarlo ha scelto Asmara, in Eritrea. La città scorre veloce nelle immagini: le strade, le piazze, le “architetture italiane”, la sala del […]

Convengo “Desaparecidos del Mediterraneo. Le responsabilità degli Stati” università Roma Tre

by

Il 30 ottobre, come da locandina in allegato, si terrà convegno dal titolo “Desaparecidos del Mediterraneo. Le responsabilità degli Stati”. Tempi Moderni ne consiglia la partecipazione.  

Soldati italiani in Niger: una scelta neocoloniale per scaricare sull’Africa il dramma dell’immigrazione

by

Sono stati scelti i parà della Folgore, un reparto d’élite, per il primo contingente militare italiano da inviare in Niger, dove sono già operative basi francesi, americane e tedesche. Quasi 500 uomini con 130 veicoli e il rinforzo di squadriglie di elicotteri da assalto. La stampa locale ne parla da almeno un mese. Il premier […]