Ministro Di Maio

Strage di Pasquetta. Responsabilità italiane: esposto alla Procura di Roma

by

Nei giorni della Pasqua 2020, tra il 10 e il 15 aprile, in acque della zona Sar maltese, si è consumata l’ennesima tragedia dell’immigrazione nel Mediterraneo: 12 ragazzi morti (dieci eritrei e due etiopi) e altri 51 profughi, tra i quali due bambini piccolissimi, riportati contro la loro volontà in Libia, dove sono stati rinchiusi […]

La Libia bastione della Fortezza Europa: da gennaio riportati nei lager quasi 7 mila profughi

by

Erano più di cento. Eritrei in fuga dalla dittatura che schiavizza il paese da oltre un ventennio. Somali costretti ad abbandonare uno Stato imploso dal 1989 sotto i colpi della guerra civile, del terrorismo dei miliziani di Al Shabaab, di una siccità e una carestia che durano dal 2015, aggravate negli ultimi mesi da un’invasione […]

Intervista a Mario Leone sul processo di integrazione in Europa nell’era post pandemia

by

Compresa la dotazione della Pianificazione che l’Unione si è data per combattere la crisi sanitaria, economica e finanziaria dovuta al Covid 19, con i vari strumenti in campo, e il Next Generation EU. Vi è un’altra discussione nel dibattito europeo, quella di un vero rilancio del processo di integrazione comunitaria. Ne parleremo con il dott. […]

Il caporale in bicicletta

by

Con il provvedimento che si allega il Tribunale di Milano, sezione Misure di Prevenzione, accogliendo le richieste della locale Procura della Repubblica, dispone l’amministrazione giudiziaria di UBER Italy s.r.l., pendendo procedimento per il reato ex art. 603 bis c.p. (intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro, c.d. detta legge sul caporalato) in concorso anche dei titolari […]

Profughi. Frontiera orientale: l’ipocrisia mortale delle “riammissioni”

by

Tre degli ultimi li hanno presi mentre camminavano sulla superstrada, in fila indiana, alle porte di Trieste. Vengono dall’Afghanistan. Sono arrivati alla frontiera italiana sul Carso dopo un viaggio lunghissimo e pericoloso. Mesi di odissea attraverso l’Iran, l’Iraq, la Turchia e da qui in Grecia, per affrontare poi la “rotta balcanica”: la Bosnia, la Croazia […]

Migranti. Silenzio, segreto e “desaparicion”

by

Una barca con 50 profughi/migranti (ma forse più di 70) scomparsa nel Mediterraneo, a meno di 30 miglia da Lampedusa. In pratica, alle soglie delle acque italiane. Ore e ore di buco nero, finché se ne è ritrovata una traccia all’improvviso, la notte tra il 17 e il 18 maggio, ma solo perché si è […]

La guerra in Libia: profughi e migranti come carne da cannone

by

Profughi e migranti come carne da cannone nella guerra tra il governo di Tripoli guidato da Fayez Serraj, il Gna, e l’esercito del generale Khalifa Haftar, capo militare della Cirenaica, sostenuto dal Parlamento di Bengasi. Circolavano diverse voci e indizi che in Libia accadesse anche questo orrore. Significativo, in particolare, un episodio segnalato mesi fa […]

1 maggio: libertà è sicurezza. Ripartire senza ispettori, si può?

by

Ripartire, riaprire, riaccendere i motori… appaiono slogan neofuturisti, usati come promessa di normalità, incentrati più sul quando che sul come tornare alle libertà personali in modo diversamente sicuro. Nei prossimi giorni la ripresa della vita civile, con un ripristino graduale delle libertà personali, è formalmente affidata a un’autocertificazione o comunque all’autoresponsabilità delle imprese che dovranno […]

Errori, pregiudizi e populismo: ecco servita la chiusura dei porti

by

Il decreto “porti chiusi” per la pandemia di coronavirus adottato dall’Italia ha fatto scuola, con un effetto a catena devastante. Appena poche ore dopo la notizia che tutti gli approdi della penisola sono off limits per ogni “nave straniera” con a bordo naufraghi/migranti salvati fuori dalla zona Sar italiana, il Consiglio dei ministri di Malta […]

Rivolta contro il decreto porti chiusi: “Distrugge il nostro stare insieme”

by

Il decreto interministeriale che chiude i porti alle navi straniere con a bordo naufraghi salvati nel Mediterraneo fuori dalla nostra zona Sar è arrivato improvviso e doloroso come una frustata. Improvviso per come è maturato. Doloroso negli effetti immediati perché lede i diritti dei più deboli, a cominciare da quello alla vita stessa. Il motivo […]