Minniti

Dopo Malta cresce il disimpegno dell’Europa nei soccorsi in mare

by

Il premier Giuseppe Conte ha parlato di “svolta”. E’ vero, sembra proprio che il recente accordo di Malta stia segnando una “svolta” nella politica migratoria e nell’organizzazione dei soccorsi ai naufraghi alla deriva su barche o relitti salpati dalle coste africane con il loro carico di disperati. Non nel senso, però, lasciato intendere dal Governo […]

Accordo di La Valletta: è davvero una “svolta”?

by

“ Una svolta decisiva nella politica sull’immigrazione”: così’ è stato definito dal Governo italiano l’accordo raggiunto al summit di La Valletta tra Italia, Germania, Francia e Malta sul meccanismo di redistribuzione dei migranti soccorsi in mare. Elementi positivi, in effetti, non ne mancano, a cominciare dal fatto che per la prima volta si sia affermato […]

Le madri eritree come le madri de Plaza de Majo

by

In piazza “armate” soltanto di un foulard bianco, il simbolo internazionale della lotta per i diritti umani. Le donne eritree della diaspora hanno dato vita a un movimento che, ispirandosi a quello delle Madri di Plaza de Majo, intende organizzare una serie di manifestazioni in tutta Europa per chiedere “verità e giustizia” per i propri […]

Davide Mattiello: Bruno Caccia e il futuro della democrazia

by

Come ci sono arrivate le mafie al Nord? Se per “mafie” intendiamo le tradizionali organizzazioni mafiose che abbiamo imparato a conoscere cioè Cosa Nostra, Stidda, ‘ndrangheta, Camorra, Sacra Corona Unita, Società foggiana (…) possiamo dire che esiste un radicamento consolidato in anni di presenze capillari, più o meno avvertite e contrastate, in tutto il nord […]

Come stiamo uccidendo le nostre Ong e smontando il sistema di Cooperazione

by

Le Organizzazioni non governative in Italia sono oramai da tempo sotto attacco e non solo perché Matteo Salvini nutre per loro un odio viscerale. Il mondo del volontariato internazionale è preso di mira senza pietà, affossato e criminalizzato fino alle accuse di connivenza con trafficanti e scafisti che ledono fortemente l’integrità delle persone. Ma Salvini si scaglia […]

Crisi dei migranti: un altro capitolo di colonialismo?

by

“Un’ipocrisia”. Così, senza mezzi termini, Fayez Serraji, il presidente del Governo di Tripoli, ha definito, prima di ripartire da Palermo, l’atteggiamento dell’Unione Europea sulla crisi dei migranti, rilanciando in una intervista al Corriere della Sera un problema che nel vertice internazionale sulla Libia era rimasto defilato e sottaciuto. Serraji non si è dimostrato finora un […]

Arriva dalla Guinea l’ultima strage di migranti “silenziata”

by

Sono morti in 60, portati via dalle onde dell’Atlantico, di fronte all’Africa. Altre 60 vite di giovani migranti spezzate. A migliaia di chilometri dall’Europa. Eppure, vittime dei muri innalzati dalla Fortezza Europa per escludere, tenere lontani, tanti, tantissimi disperati come loro. Si erano imbarcati nel nord della Guinea Bissau su un cayuko, la barca da […]

In Migrazione: dossier “Straordinaria accoglienza”, dati e numeri dell’accoglienza in Italia

by

La politica attuale e tutto il conseguente dibattito è concentrato prevalentemente sul tema migratorio. Ministri, giornalisti, intellettuali, associazioni stanno combattendo una battaglia mediatica e probabilmente presto sociale seguendo la dicotomia “accogliere si/accogliere no”. Non è probabilmente solo questo il problema, e a ricordarlo è il recente dossier di In Migrazioni, presentato a Roma il 10 […]

A Milano e Roma le “nazionali” dei migranti

by

“L’Italia non è un enorme campo profughi”, “Faremo un censimento dei rom, quelli italiani purtroppo ce li dobbiamo tenere”. Le “bordate” del ministro degli Interni Matteo Salvini gettano benzina sul fuoco, in un Paese che si sente “invaso” dagli stranieri. Ma nell’Italia salviniana dei blocchi navali e dei censimenti, c’è anche spazio per iniziative che […]

Gharyan, 8 profughi uccisi durante un tentativo di fuga dopo essere scampati a un sequestro in massa

by

“Hanno ucciso 8 di noi. E più di venti feriti. Stavano tentando di fuggire dal centro di detenzione di Gharyan. Erano terrorizzati perché poche ore prima una banda di miliziani aveva assaltato il campo e rapito oltre 200 nostri compagni. I poliziotti e i militari di guardia, però, non hanno esitato a sparare per fermarli. […]