Tempi Moderni

Seminario: migranti e sfruttamento lavorativo nel settore agricolo di Tempi Moderni e In Migrazione

by

Inizia il 30 novembre un innovativo seminarioproposto da Tempi Moderni e In Migrazione su una tematica sempre più drammaticamente di attualità: il grave sfruttamento lavorativo, il caporalato e la nuova Legge 199 del 2016. In ragione della maturazione di specialistiche esperienze di ricerca e di impegno su questo tema la frequentazione di questo corso permetterà di assumere informazioni, dati, […]

Pueblo: L’Umanità Di Celestini Che Non Convince.

by

Un uomo (Ascanio Celestini) spia dalla finestra una donna che vive con un’anziana. Non sa nulla di lei, come dichiara al suo inquilino Pietro (Gianluca Casadei), eppure può raccontargli tutto: si chiama Violetta e quell’altra è la madre. Violetta fa la cassiera in un supermercato dove si affollano vite quotidiane di uomini e donne che […]

Call for paper Folk narrative in regions of intensive cultural exchange

by

Tempi Moderni promuove l’invito per la call for papers della Conferenza dell’International Society for Folk Narrative Research (ISFNR), dal titolo FOLK NARRATIVE IN REGIONS OF INTENSIVE CULTURAL EXCHANGE, organizzata dalla Struttura Didattica Speciale di Lingue e letterature straniere di Ragusa in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Umanistiche dell’Università di Catania, che si terrà a Ragusa […]

L’uomo che sussurra agli ammalati” di Ilaria De Bonis per Popoli e Missione, su Tempi Moderni

by

La premessa è che nulla di ciò che fa è frutto del suo potere personale. «Cela me dépasse», ripete. «Tutto questo travalica la mia persona».Perché viene da Dio. Sorride mentre ricorda gli esordi della missione con gli ammalati di mente in Africa, tra Benin, Togo, Costa d’Avorio e Burkina Faso. Gregoire Ahongbonon, 64 anni, del […]

“Fermare i migranti in Libia”: per incarcerarli e a rischio di una guerra?

by

“Fermiamoli in Libia”: lo ha detto il ministro Marco Minniti in una intervista al Messaggero, esplicitando il giro di vite che ha impresso alla politica di chiusura e respingimento praticata dall’Italia nei confronti dei migranti. Politica che, sotto la sua spinta, ha visto dall’inizio dell’anno tre tappe fondamentali: – il memorandum firmato a Roma il […]

Il governo del territorio partecipato dal basso

by

Dal comma 3 dell’art. 117 della Costituzione discendono il governo e la difesa del territorio che comprendono tutte quelle politiche tramite le quali i pubblici poteri disciplinano, nel rispetto delle varie competenze previste dalla Costituzione, i molteplici usi del territorio combinando tra loro i vari interessi rilevanti, senza attribuire a taluni di essi un rilievo […]

Riforme costituzionali nel Caucaso: dalla Repubblica Presidenziale a quella Parlamentare

by

Dopo l’Armenia, ora anche la Georgia: pare che il Caucaso del Sud – almeno ad occidente – si sia completamente disinnamorato del presidenzialismo di tradizione post-sovietica. L’Armenia ha optato per un’articolata riforma costituzionale che l’ha transitata verso un modello di governo parlamentare. Gli impatti politici, sulle forze di governo e sulle singole figure di spicco […]

Una storia caucasica: l’Armenia e la guerra del Karabakh

by

Karen Danielyan, classe 1996 è stato ucciso alle 7:20 del mattino del 20 maggio. Non si è stati neanche un mese senza vittime, in Nagorno Karabakh. Lo scontro mortale precedente era del 28 aprile e, nel mentre, quotidianamente si registrano violazioni del cessate il fuoco la cui entità è difficile da stabilire: l’Azerbaijan accusa l’Armenia […]

Recensione di Franco Brugnola di “Migranti e diritti: tra Mutamento sociale e buone pratiche”, Simple edizioni

by

Questo nuovo volume di Marco Omizzolo, pubblicato dall’associazione di promozione sociale “Tempi Moderni”, è una collettanea alla quale hanno fornito contributi molti autori qualificati ed affronta in maniera multidisciplinare il tema attualissimo dei diritti delle persone che, in fuga per i motivi più diversi da territori del continente africano e di quello asiatico, approdano dopo […]

Catturati 500 profughi dalla Guardia Costiera libica. “Violato il diritto internazionale”

by

L’obiettivo sembra ormai essere uno soltanto: intrappolare e abbandonare i profughi in Libia o comunque in Africa. A prescindere dalla loro volontà, dalla loro storia, dai loro diritti. Con qualsiasi mezzo e senza curarsi della sorte che li attende in un paese precipitato nel caos di una guerra civile che dura da sei anni. Anche […]